Fare sistema per una scuola capace di innovare. Venerdì 17 Maggio ore 18:00

Venerdì 17 Maggio ore 18:00 presso il Cineclub Agorà di via Valtriani evento denominato: “Fare sistema per una scuola capace di innovare

Il ruolo degli Enti locali nella promozione di un’istruzione di qualità e nella valorizzazione delle opportunità. Partecipa Matteo Franconi candidato sindaco del centrosinistra; Rosa Maria Di Giorgi deputata PD e membro commissione istruzione.

Il programma elettorale


Pontedera e la sua scuola

  • Programmi annuali per la manutenzione ordinaria e straordinaria e fornitura arredi
  • trasporto scolastico
    • rinnovamento parco macchine e utilizzo App per monitorare il tragitto dello scuolabus
    • azzeramento liste d’attesa
    • introduzione della “tariffa puntuale del trasporto” per ciascuna famiglia in relazione all’ISEE
  • refezione scolastica
    • certificazione di eccellenza per tutte le mense scolastiche
    • Commissione mensa per la progettazione di percorsi di educazione alimentare
    • introduzione della “tariffa puntuale della mensa” per ciascuna famiglia in relazione all’ISEE
  • Riorganizzazione
    • riorganizzazione dei tre Istituti Comprensivi per distribuzione equa delle iscrizioni nei vari plessi
    • estensione progetto a scuola senza zaino
  • Il villaggio scolastico un Campus moderno e vivibile
    • costruzione del nuovo Istituto Montale;
    • accessi controllati all’area del villaggio scolastico nelle ore di punta in entrata ed uscita
  • La biblioteca comunale
    • La Biblioteca comunale Giovanni Gronchi che dalla apertura nella nuova sede nell’area del Dente Piaggio ha visto una progressiva espansione in termini di persone che giornalmente la frequentano e in termini di prestiti, nonché di attività culturali che annualmente si svolgono nei suoi spazi. Nel solo 2018 ha visto transitare 275.000 persone, ha registrato più di 5000 persone che la frequentano assiduamente, ha prestato 60.000 libri, ha gestito incontri con oltre 200 classi della scuola dell’obbligo e ospitato più di 150 eventi culturali. La Biblioteca Gronchi si è rapidamente guadagnata un ruolo centrale in città, diventando uno dei luoghi strategici riconosciuti da giovani studenti, da Associazioni, da cittadini. Luogo non solo di studio, ma anche di incontri culturali organizzati e gestiti da sempre più numerose Associazioni Culturali che scelgono la Biblioteca come luogo per svolgere i loro eventi e la identificano come “presidio culturale” di grande rilevanza. La nostra Biblioteca ha un forte ruolo di promozione della lettura grazie allo spazio dedicato ai bambini/e, ai ragazzi/e (Biblioteca dei ragazzi) in cui le attività vivacizzano il prestito e la lettura coinvolgendo sia classi e docenti, sia singoli giovanissimi accompagnati dalle famiglie che vivono con i figli esperienze di lettura guidata ed assistita. È divenuta anche una istituzione in grado di dialogare con importanti istituzioni nazionali (Camera Deputati, Presidenza Repubblica), esperienza importante è stata la visita del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella che ha voluto proprio in Biblioteca incontrare i giovani, identificandola come luogo strategico. La Biblioteca dovrà mantenere “aperto” il dialogo con i soggetti che la rendono viva e quindi si intende investire sia in termini di risorse sia in termini di progetti culturali qualificanti e di relazioni significative poiché è l’istituzione culturale che ha maggiore impatto sui giovani e sulla cittadinanza. L’importanza nel suo ruolo della città ci consente di declinare alcuni obiettivi da perseguire per la sua ulteriore valorizzazione:
      • sviluppare un Patto di collaborazione con tutte le attività presenti lungo l’asse del viale Piaggio per definire una strategia condivisa per sostenere il progetto di sviluppo;
      • ampliare ulteriormente gli orari (dopocena e domeniche);
      • aumentare le postazioni di studio;
      • potenziare la sua funzione oltre che come luogo di studio e di lettura, anche di incontro, di svago per tutti a cominciare dalle famiglie;
      • riqualificare tutta la area intorno e farne uno dei punti di maggiore frequentazione dei cittadini;
      • eseguire gli interventi di manutenzione al fine di rendere ancora più accogliente e vivibile lo spazio;
      • proseguire con ogni campagna di promozione alla lettura anche potenziando le manifestazioni connesse: il “Festival del Libro”, la “Notte bianca del libro” , “L’Era dei libri”.
CONDIVIDI