Incontro con le associazioni culturali. Sabato 18 Maggio ore 11:00

Matteo Franconi incontra le associazioni culturali. Sabato 18 Maggio ore 11:00 presso il comitato elettorale in via Roma n. 36.

Il programma elettorale


Cultura

Sul tema delle attività culturali presenti e da sviluppare in città negli anni futuri, durante la campagna di ascolto abbiamo ricevuto suggestioni interessanti e la consapevolezza che la Cultura in questa città deve avere un ruolo di primo piano perché ha al suo attivo una situazione ricca di numerose opportunità. Ecco perché nella stesura della nostra proposta di governo crediamo che molte delle sfide sui temi più importanti, dal lavoro alla qualità della vita, dal rafforzamento del tessuto commerciale all’economia della conoscenza debbano esser affrontate investendo a 360 gradi sulla cultura e nell’intelligenza umana, il vero valore aggiunto e di riscatto dopo anni di crisi economica e sociale. Abbiamo un capitale straordinario di strutture ed esperienze culturali che dobbiamo valorizzare considerandole vere e proprie infrastrutture della città.

  • Il Teatro Era dal 2015 grazie all’accordo con il Teatro la Pergola di Firenze è diventato un teatro di rilevanza Nazionale offrendo una stagione teatrale articolata e ricca che prosegue anche nel periodo estivo utilizzando l’anfiteatro all’aperto e una solida collaborazione con il comune di Peccioli.
  • Il rinnovato ed ampliato Museo Piaggio è l’unico spazio espositivo in Italia di Vespa, Ape e Motori e sede di importanti attività culturali organizzate dalla Fondazione Piaggio che registra decine di migliaia di presenze ogni anno; il rilievo simbolico mondiale della Vespa deve poter continuare ad essere una delle chiavi per rendere Pontedera attrattiva e conosciuta a livello internazionale.
  • Il Centrum Sete Sois Sete Luas ospita iniziative di respiro internazionale più volte all’anno e sviluppa il massimo delle proprie attività nel mese di luglio con l’organizzazione del Festival omonimo in più luoghi della città e delle frazioni.
  • Le Accademie Musicali, riunite insieme a formare un grande polo di formazione e fruizione musicale che troverà un nuovo spazio operativo nell’ex Cinema Roma in centro città; alle numerose associazioni culturali presenti in questa città che propongono e gestiscono incontri, spettacoli teatrali e di danza, cori, bande, pubblicazioni di libri, festival.
  • L’attività dell’Accademia Musicale Glenn Gould che potrà trovare nuovi ed ulteriori spazi nel nuovo centro e laboratorio della cultura da realizzare per il CREC Piaggio.
  • La Biblioteca comunale Giovanni Gronchi che dalla apertura nella nuova sede nell’area del Dente Piaggio ha visto una progressiva espansione in termini di persone che giornalmente la frequentano e in termini di prestiti, nonché di attività culturali che annualmente si svolgono nei suoi spazi. Nel solo 2018 ha visto transitare 275.000 persone, ha registrato più di 5000 persone che la frequentano assiduamente, ha prestato 60.000 libri, ha gestito incontri con oltre 200 classi della scuola dell’obbligo e ospitato più di 150 eventi culturali. La Biblioteca Gronchi si è rapidamente guadagnata un ruolo centrale in città, diventando uno dei luoghi strategici riconosciuti da giovani studenti, da Associazioni, da cittadini. Luogo non solo di studio, ma anche di incontri culturali organizzati e gestiti da sempre più numerose Associazioni Culturali che scelgono la Biblioteca come luogo per svolgere i loro eventi e la identificano come “presidio culturale” di grande rilevanza. La nostra Biblioteca ha un forte ruolo di promozione della lettura grazie allo spazio dedicato ai bambini/e, ai ragazzi/e (Biblioteca dei ragazzi) in cui le attività vivacizzano il prestito e la lettura coinvolgendo sia classi e docenti, sia singoli giovanissimi accompagnati dalle famiglie che vivono con i figli esperienze di lettura guidata ed assistita. È divenuta anche una istituzione in grado di dialogare con importanti istituzioni nazionali (Camera Deputati, Presidenza Repubblica), esperienza importante è stata la visita del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella che ha voluto proprio in Biblioteca incontrare i giovani, identificandola come luogo strategico. La Biblioteca dovrà mantenere “aperto” il dialogo con i soggetti che la rendono viva e quindi si intende investire sia in termini di risorse sia in termini di progetti culturali qualificanti e di relazioni significative poiché è l’istituzione culturale che ha maggiore impatto sui giovani e sulla cittadinanza. L’importanza nel suo ruolo della città ci consente di declinare alcuni obiettivi da perseguire per la sua ulteriore valorizzazione:
    • sviluppare un Patto di collaborazione con tutte le attività presenti lungo l’asse del viale Piaggio per definire una strategia condivisa per sostenere il progetto di sviluppo;
    • ampliare ulteriormente gli orari (dopocena e domeniche);
    • aumentare le postazioni di studio;
    • potenziare la sua funzione oltre che come luogo di studio e di lettura, anche di incontro, di svago per tutti a cominciare dalle famiglie;
    • riqualificare tutta la area intorno e farne uno dei punti di maggiore frequentazione dei cittadini;
    • eseguire gli interventi di manutenzione al fine di rendere ancora più accogliente e vivibile lo spazio;
    • proseguire con ogni campagna di promozione alla lettura anche potenziando le manifestazioni connesse: il “Festival del Libro”, la “Notte bianca del libro” , “L’Era dei libri”.
  • La Fondazione “Pontedera per la cultura” promossa nel 2016 nel cui statuto fondativo è previsto che essa diventi il luogo dell’incontro di tutti i soggetti sopra ricordati, la leva con cui sollecitare le energie belle e diffuse presenti non solo in città e nello stesso tempo allarghi e stabilisca rapporti con le Fondazioni e le associazioni del territorio a partire dalla Valdera tutta.
  • La riqualificazione di Palazzo Pretorio con l’apertura del centro espositivo PALP si presenta come una esperienza di successo che è stata capace di riqualificare urbanisticamente il centro città, dando vita anche ad una proposta culturale di tipo espositivo capace di attirare migliaia di visitatori (mediamente 10.000/12.000 a mostra) nonché al trasferimento del centro per l’arte Otello Cirri che ha perseguito lo scopo di valorizzare e di promuovere l’arte con un’attenzione alle realtà contemporanee con mostre, i cicli di conferenze, attività formative.

All’interno di questo contesto ricco di potenzialità ed opportunità occorre creare collaborazioni stabili ed innovative al servizio del marketing territoriale attraverso le esperienze culturali ed alzare lo sguardo verso obiettivi di lungo termine e restituire ai cittadini occasioni nuove. Dovrà nascere un tavolo, una cabina di regia coordinata dall’Amministrazione comunale per garantire a questa rete di connettersi, svilupparsi con maggior efficacia dentro un progetto unitario per promuovere la cultura a Pontedera e:

  • costruire percorsi economicamente sostenibili, significa saper valorizzare e tutelare quello che c’è e stimolare nello stesso tempo l’innovazione, la creatività, la partecipazione di una comunità sempre in movimento;
  • mettere assieme dentro un’unica idea condivisa le politiche commerciali, quelle urbanistiche, quelle economiche e quelle sociali per un futuro migliore aperto al dialogo, al confronto, alla partecipazione consapevole, potenziando le possibilità di attivazione e fruibilità di percorsi a prezzi popolari (teatro, musica, arti applicate).
CONDIVIDI