Il Programma elettorale

Pontedera città della trasparenza e della partecipazione

Un comune più efficiente e sempre più digitale

  • L’articolazione degli uffici comunali dovrà esser strutturata a misura dei progetti, degli obiettivi e dei servizi che saranno la cifra del programma di governo. Sulla scorta della quantità e della tipologia delle cose da fare riorganizzeremo la macchina comunale per consentire alla filiera, che parte dalla strategia ed arriva agli atti ed alle azioni concrete, di essere monitorata con trasparenza da parte degli amministratori e dei cittadini.
  • Attuare velocemente l’agenda digitale ci consentirà di migliorare l’accesso ai servizi: semplificare e sburocratizzare attraverso l’uso delle moderne tecnologie e del web, accedere ai fascicoli amministrativi ed alle certificazioni senza aver bisogno di recarsi fisicamente negli uffici. Significherà restituire il tempo a cittadini e imprese facendo un cambiamento interno dei processi interni della burocrazia abbattendo il tempo per l’erogazione e la fruizione dei servizi e l’afflusso agli sportelli anche per quanto riguarda le pratiche edilizie attraverso il monitoraggio online dello stato di lavorazione e la digitalizzazione degli archivi.
  • Per riuscire in questo progetto di ristrutturazione complessiva ed importante della macchina comunale dobbiamo valorizzare e riqualificare le competenze del personale in servizio e capitalizzare quelle del personale che subentrerà in ragione del turn-over che le nuove norme sui pensionamenti dovrebbero consentire nel medio termine. In tema di competenze dedicate alla programmazione dovrà esser istituito un ufficio dedicato dove far confluire in modo trasversale le professionalità esistenti nei vari settori.
  • Per poter valorizzare la presenza del tessuto associativo e del volontariato sociale in città vorremmo costituire uno “sportello associazioni”, ufficio dedicato alla consulenza ed al supporto per le istanze e le pratiche amministrative provenienti dalle associazioni cittadine fornendo anche supporto alla progettazione ad esempio per la partecipazione a bandi di livello nazionale ed europeo.

Le azioni di maggior rilievo da inserire nell’Agenda digitale:

  • incentivazione ed informazione ai cittadini circa la possibilità di usare l’Identità digitale – Spid ed il domicilio digitale;
  • diffusione degli strumenti di pagamento online (PagoPA);
  • certificazione Online grazie all’ANPR: si potranno ottenere certificati anagrafici direttamente online senza bisogno di presentarsi agli sportelli comunali;
  • censimento delle aree non ancora raggiunte dalla fibra ottica e inserimento di tali aree nello sviluppo della rete nei programmi di investimento di Regione Toscana;
  • estensione dei punti di erogazione e di copertura del servizio gratuito Pontedera WiFi;
  • dematerializzazione e digitalizzazione dei procedimenti amministrativi e degli archivi;
  • progetti per l’alfabetizzazione informatica rivolti alle persone più anziane “Nonniweb”;
  • Piazze 2.0, le piazze del centro, dei quartieri e delle frazioni saranno dotati di arredi intelligenti (con connessione al wifi free, punti di ricarica, schermi informativi), bacheche a disposizione delle associazioni dei quartieri, aree per piccoli eventi in collaborazione con il tessuto associativo, culturale, sportivo, sociale e a quello legato alle manifestazioni storiche.

Etica e trasparenza

  • Il Comune di Pontedera ha fatto sulla trasparenza amministrativa non solo un percorso di mero rispetto della normativa ma un modo di essere e di rapportarsi con la propria comunità cercando di diventare la Casa di vetro di tutti i cittadini. Dalla trasmissione e archiviazione on-line delle sedute del Consiglio Comunale, alla pubblicazione integrale e semplificata di tutti gli atti della Pubblica Amministrazione prima degli obblighi di legge, passando dalla messa in rete di una mole importante di dati (in primis il Sistema informativo territoriale).
  • Sulla scorta di tale impostazione è stato realizzato un nuovo sito internet, semplice, perfettamente leggibile anche dagli schermi più piccoli degli smartphone e secondo le nuove linee guida ed il design redatte dall’Agenzia per l’Italia Digitale per consentire l’interazione online tra cittadino e Pubblica Amministrazione. La caratteristica principale del nuovo sito è la fruibilità sia usando il computer, il tablet oppure il cellulare.
  • In ragione della diffusione dei canali social la comunicazione del Comune di Pontedera è presente su molte delle piattaforme esistenti per garantire la massima diffusione possibile delle attività non solo istituzionali ma che riguardano la vita in senso lato della città.

Insieme ai cittadini. Un nuovo ruolo per le consulte

Su ciascun quartiere e frazione di Pontedera sono attive le Consulte, uno strumento che si è rivelato prezioso permettendo all’amministrazione di interagire in maniera costruttiva con la cittadinanza. Le criticità che l’esperienza delle consulte ha manifestato nel corso degli anni sotto il profilo delle presenze sono l’occasione per rimodularne il funzionamento e l’organizzazione alla ricerca di percorsi e strumenti di maggior coinvolgimento possibile dei cittadini.

  • Serve dunque potenziare questi strumenti di partecipazione democratica alla gestione della città ridefinendone ruolo e prerogative ed evitando che la loro azione venga lasciata in via esclusiva alla buona volontà dei presidenti.

Il duplice obiettivo che ci prefissiamo è quello:

  • di rafforzare, nei limiti consentiti dalla normativa, le regole ed i meccanismi di funzionamento delle consulte anche ipotizzando in forme sperimentali meccanismi di partecipazione di natura elettiva ed integrare nelle rispettive sedi funzioni di “portierato sociale”;
  • di individuare nel bilancio comunale un apposito stanziamento da assegnare, attraverso un apposito regolamento, alle singole consulte sulla base delle decisioni e delle attività di carattere puntuale che decideranno di porre in essere per dare risposte in tempi certi alle istanze provenienti direttamente dalla cittadinanza e far acquisire consapevolezza nell’uso delle risorse economiche disponibili.

Organizzeremo con cadenza annuale un confronto aperto con i cittadini per monitorare, aggiornare ed eventualmente modificare le azioni del programma di governo della città individuando le cose fatte, quelle ancora da fare e quelle necessarie a rispondere ai nuovi bisogni.